Cara vecchia filiale, così dura a morire
Businet
Stefano
1/6/2002


Le previsioni sono tutte concordi. Quale che sia lo studio preso in considerazione o la ricerca condotta sull’argomento, il dato tendenziale che ne scaturisce è sempre lo stesso: l’Internet banking (o più concisamente l’e-banking) – intendendo con ciò “l’uso dell’accesso Internet per effettuare operazioni bancarie o acquistare servizi finanziari” – è destinato a esplodere.
Lo dice l’ultima ricerca Datamonitor fatta in sei Paesi Europei (Gran Bretagna, Spagna, Italia, Francia, Svezia e Germania), da cui risulta che i cittadini di quei Paesi che useranno l’e-banking nel 2005 saranno circa sessanta milioni. A conclusioni analoghe giunge Forrester Research, che stima in 42 milioni gli europei che oggi vanno online per le proprie operazioni bancarie e 110 milioni quelli che lo faranno nel 2005. In particolare, Forrester segnala come in qualche modo il fenomeno si autoalimenterà, con un crescente miglioramento dei servizi bancari e finanziari offerti online che attrarranno di conseguenza un numero sempre maggiore di utenti: “La nostra previsione di forte crescita del Net Banking nei prossimi quattro anni si basa sull’assunto che i servizi di e-banking continueranno a migliorare costantemente. Perché? Per il semplice motivo” spiega Therese Torris, group director al Forrester's European Research Center, “che i clienti online sono clienti troppo buoni per essere persi”. Vale a dire clienti particolarmente attivi e intraprendenti, predisposti a lasciarsi tentare da offerte ‘cross-sell’ (per esempio, prodotti del tipo bancassurance) e il cui costo di “amministrazione” è fortemente ridotto rispetto al cliente tradizionale, essendo gestito da procedure e strumenti telematici.
Ma intonare il de profundis per la vecchia “cara” filiale è sicuramente sbagliato - e comunque prematuro – anche se questo era stato il ‘mantra’ degli esperti del settore durante l’esplosione del fenomeno Internet alla fine degli anni ’90, quando iniziò ad affermarsi il fenomeno delle ‘virtual banks’. “L’idea che la morte della filiale fosse imminenente allora ispirò le strategie di molte banche” ricorda Alex Boorman, analista di Datamonitor, “e invece la nostra ricerca mostra come – anche se il numero delle filiali continua a diminuire – l’e-banking sia sostanzialmente diventato un ulteriore, seppur importante, canale di distribuzione che si rivolge ad un limitato e definito settore del mercato al consumo”. Già, perché nei sei Paesi esaminati, Datamonitor mostra come Internet è tuttora solo la terza fra le modalità di acquisto o utilizzo di servizi bancari mentre la filiale (e quindi la visita ‘personale’) rimane di gran lunga in cima alle preferenze degli utenti, in una percentuale che va dal 63% della Gran Bretagna (dove un quarto degli utenti bancari usa alternativamente il telefono) all’88% della Spagna (con una posizione mediana dell’Italia, attestata sull’80%). Probabilmente sono anche dati come questi che fanno sì che nello studio Forrester i dirigenti di 33 imoprtanti istituti bancari europei prevedano che “le filiali saranno ancora il canale dominante nel 2007”. O che spingono le banche puramente virtuali a trovare una loro configurazione ‘click ‘nd mortar’, aprendo punti di presenza fisica, magari originali e non convenzionali ma pur sempre ‘fisici’. Come nel caso della svedese Skandiabanken che ha lanciato una partnership con la Coop per sviluppare ‘sportelli’ all’interno dei supermercati.
In pratica quello che viene affermandosi, più che un effetto di sostituzione, è un fenomeno di specializzazione dei diversi canali: “E’ probabile che per molte banche, la filiale passi da un’ottica di convenienza ad una di eccellenza” dice ancora Boorman, “con una loro specializzazione nell’offerta di servizi più sofisticati e a maggior valore aggiunto mentre ai canali elettronici sarebbero delegati le attività di routine.” E infatti gli istituti bancarti si stanno attrezzando in questo senso. I già citati ‘executives’ delle 33 banche europee nel 50% dei casi stanno mettendo (o hanno già messo) online le loro filiali, con un ulteriore 24% che ha intenzione di farlo a breve. E’ chiaro che però che deve poi seguire uno sforzo di comunicazione e promozione della nuova modalità di fruizione dei servizi bancari. Soprattutto perché ci sono abitudini radicate: “Per massimizzare i loro investimenti nell’e-banking, consigliamo alle banche europee di incoraggiare la migrazione degli utenti verso l’online e quindi raggiungere la necessaria massa critica comunicando chiaramente quali sono i vantaggi del Net banking, sottolineando per esempio la disponibilità di un maggior numero di informazioni, analisi consigli e la possibilità di transazioni in tempo reale”, puntualizza Charlotte Hamilton, analista di Forrester.
Intanto si comincia ad aprire qualche spiraglio anche sul versante dei servizi bancari fruiti wireless o via TV digitale. Oggi sono poco più di un milione gli europei che si sono già avventurati nelle praterie sostanzialmente inesplorate del m-banking – dice la ricerca Datamonitor – ma il numero potrebbe raggiungere l’interessante cifra di 30 milioni nel 2005 mentre gli utenti del ‘digital TV banking’ salirebbero per quella data a 10 milioni dagli odierni quasi “impercettibili” 750.000. Molto dipenderà anche dalla dotazione e l’uso che di questi strumenti fanno le popolazioni nazionali, da questo punto di vista molto disomogenee: la Svezia per esempio ha una penetrazione WAP del 9% (la Germania arriva al 14%) mentre si avvicina al 20% per la TV digitale (a fronte di uno scarso 15% in Germania).
Quale che sia l’evoluzione del Net Banking, appare comunque ragionevolmente certo che, anche se con minor frequenza, un “salto” in banca continueremo a farlo.





segnalazioni e commenti
The Afrikaner. A Novel
The Afrikaner (Guernica Editions) is a transcultural novel by Arianna Dagnino set in Southern Africa between Johannesburg, Cape Town, the Kalahari Desert and Zanzibar. It starts as an urban thriller, it develops into a road adventure, it acquires the tones of a scientific novel and it ends on a metafictional note.

More succinctly, The Afrikaner is a fiction on South Africa and the destiny its Black, Coloured and White tribes have historically shared and will continue to share under the African sky.

Read the synopsis of the book here: [link]/
[link]


links
Nomads CA-Culture Lab
Nomads CA-Culture Lab provides professional services in the areas of journalism, publishing, translation, localization services, marketing, market monitoring and issues management. Our potential clients are individuals, groups and organizations that work on, for and with culture in its broad definition.

10% discount on any consulting and translation services provided to UniSA Alumni.
To access this benefit UniSA Alumni Network Card holders show their UniSA Network Card number. This benefit can be accessed online and internationally.

Link: http://www.unisa.edu.au/Business-community/Alumni-network/Alumni-benefits/Alumni-Business-Directory/Categories/Business/Nomads-CA--Culture-Lab/
[link]

Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility
In Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility, Arianna Dagnino analyzes a new type of literature emerging from artists’ increased movement and cultural flows spawned by globalization. This “transcultural” literature is produced by authors who write across cultural and national boundaries and who transcend in their lives and creative production the borders of a single culture. Dagnino’s book contains a creative rendition of interviews conducted with five internationally renowned writers—Inez Baranay, Brian Castro, Alberto Manguel, Tim Parks, and Ilija Trojanow—and a critical exegesis reflecting on thematical, critical, and stylistical aspects.

"In this thought-provoking study, Arianna Dagnino is concerned to identify a cohort of writers who, in the ease with which they move between domiciles, languages and cultures, find themselves ahead of the pack in expressing a newly emergent transcultural sensibility. In a series of interviews, intercut with her own diary entries and treated to a light process of fictionalization – which is brought off with a novelist’s skilled hand – five writers present their reflections on their genesis, their present situation, and their future aims in a more and more globalized world, reflections which are never less than interesting and are often far-sighted. Their comments are in turn interrogated by Dagnino and set in a wider framework of transcultural theory. Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility is a significant contribution to a growing body of work on the metamorphosis of literary culture in times of dissolving cultural boundaries." – Nobel Laureate J M Coetzee, The University of Adelaide
http://blogs.ubc.ca/transculturalwriters/
http://www.thepress.purdue.edu/titles/format/9781557537065
[link]