Il mio trisnonno Darwin era africano
La Stampa
Arianna
7/2/2010


Sydney (Australia) - Un “africano”. Anche lui, Charles Darwin, il padre della teoria dell’evoluzione per selezione naturale. Lo studio condotto con le ultime tecnologie sul DNA sulla saliva del pronipote Chris rivela proprio questo: gli antenati del naturalista inglese che con il suo saggio “L’Origine delle Specie” rivoluzionò il mondo della scienza, lasciarono le coste dell’Africa 45mila anni fa.
“Non vedevo l’ora di scoprire quali fossero le radici più profonde della mia famiglia”, ha commentato Chris Darwin, figlio di George (conosciuto come Erasmus), nipote di William (Billy) e pronipote di George, uno dei dieci figli che Charles Darwin

ebbe con Emma Wedgwood. Avventuriero e guida per trekking nelle Blue Mountains in Australia, dove si è trasferito dall’Inghilterra nel 1986, il 48enne Chris ha fornito il fluido organico che ha consentito ai ricercatori di risalire all’indietro per quasi 60mila anni lungo l’albero genealogico dei Darwin.
A scoprire – a duecento anni dalla sua nascita – le origini ancestrali dello scienziato che, primo fra tutti, osò ipotizzare che gli esseri umani si fossero evoluti, come gli animali, da un manipolo di antenati comuni, sono stati gli scienziati del Genographic Project, il progetto di ricerca - lanciato congiuntamente da National Geographic e IBM con il supporto sul campo della Waitt Family Foundation - per lo studio delle migrazioni nella storia dell’uomo. Per poter ricostruire la storia migratoria della famiglia Darwin, i ricercatori hanno focalizzato la loro attenzione sul cromosoma Y, scoprendo così che Chris - e di conseguenza l’esimio trisavolo per parte paterna - appartiene all’aplogruppo R1b, uno dei più comuni nella linea evolutiva dei maschi europei. “Circa il 70 percento degli uomini che oggi vivono nell’Inghilterra meridionale appartiene a questo aplogruppo, mentre in Irlanda e in Spagna la percentuale supera addirittura il 90 percento”, ha sottolineato Spencer Wells, direttore del Genographic Project, durante la conferenza stampa di presentazione dei risultati dello studio tenutasi ieri a Sydney. E, secondo le più moderne teorie evolutive, questi appartenenti maschili all’aplogruppo Rb1 sarebbero i discendenti diretti dell’Uomo di Cro-Magnon, che circa 30mila anni fa si espanse in Europa decretando la fine dei Neanderthal.
“Immagino che la maggior parte delle persone sarebbe affascinata dallo scoprire la storia ancestrale della propria famiglia”, ha detto Chris Darwin, visibilmente emozionato dai risultati dello studio, “D’altronde, come potremmo davvero capire chi siamo veramente, se non sappiamo da dove veniamo?”.
“Quello che stanno facendo i ricercatori del Genographic Project è di estrema importanza”, ha poi continuato Chris, “ci stanno mostrando la vera storia dell’umanità, come siamo migrati attraverso il globo e quanto comuni siano le nostre origini”. Il progetto è peraltro aperto al pubblico, anonimo e non-profit (il kit di partecipazione al progetto sul sito www.nationalgeographic.com/genographic per mettere il proprio DNA sotto forma di tampone salivale a disposizione della scienza costa 100 dollari): “Il nostro archivio scientifico conta già 265mila partecipanti da tutto il mondo”, ha detto Ajay Royyuru, a capo del team di biologi di IBM impegnati nel Genographic Project. Un’ottima formula per contrastare ogni forma di razzismo, secondo Chris: “Se guardo indietro da dove vengo, scopro di essere nero. Come sarebbe allora possibile denigrare qualcuno perché è nero o, viceversa, perché non lo è? Le differenze genetiche tra le varie popolazioni del globo sono talmente minime che potremmo quasi dire di essere tutti uguali. Riconoscere questo ci aiuterebbe non poco, se vogliamo andare d’accordo su questo pianeta”.

Documento: Il mio trisnonno Darwin era africano - Pdf





segnalazioni e commenti
The Afrikaner. A Novel
The Afrikaner (Guernica Editions) is a transcultural novel by Arianna Dagnino set in Southern Africa between Johannesburg, Cape Town, the Kalahari Desert and Zanzibar. It starts as an urban thriller, it develops into a road adventure, it acquires the tones of a scientific novel and it ends on a metafictional note.

More succinctly, The Afrikaner is a fiction on South Africa and the destiny its Black, Coloured and White tribes have historically shared and will continue to share under the African sky.

Read the synopsis of the book here: [link]/
[link]


links
Nomads CA-Culture Lab
Nomads CA-Culture Lab provides professional services in the areas of journalism, publishing, translation, localization services, marketing, market monitoring and issues management. Our potential clients are individuals, groups and organizations that work on, for and with culture in its broad definition.

10% discount on any consulting and translation services provided to UniSA Alumni.
To access this benefit UniSA Alumni Network Card holders show their UniSA Network Card number. This benefit can be accessed online and internationally.

Link: http://www.unisa.edu.au/Business-community/Alumni-network/Alumni-benefits/Alumni-Business-Directory/Categories/Business/Nomads-CA--Culture-Lab/
[link]

Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility
In Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility, Arianna Dagnino analyzes a new type of literature emerging from artists’ increased movement and cultural flows spawned by globalization. This “transcultural” literature is produced by authors who write across cultural and national boundaries and who transcend in their lives and creative production the borders of a single culture. Dagnino’s book contains a creative rendition of interviews conducted with five internationally renowned writers—Inez Baranay, Brian Castro, Alberto Manguel, Tim Parks, and Ilija Trojanow—and a critical exegesis reflecting on thematical, critical, and stylistical aspects.

"In this thought-provoking study, Arianna Dagnino is concerned to identify a cohort of writers who, in the ease with which they move between domiciles, languages and cultures, find themselves ahead of the pack in expressing a newly emergent transcultural sensibility. In a series of interviews, intercut with her own diary entries and treated to a light process of fictionalization – which is brought off with a novelist’s skilled hand – five writers present their reflections on their genesis, their present situation, and their future aims in a more and more globalized world, reflections which are never less than interesting and are often far-sighted. Their comments are in turn interrogated by Dagnino and set in a wider framework of transcultural theory. Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility is a significant contribution to a growing body of work on the metamorphosis of literary culture in times of dissolving cultural boundaries." – Nobel Laureate J M Coetzee, The University of Adelaide
http://blogs.ubc.ca/transculturalwriters/
http://www.thepress.purdue.edu/titles/format/9781557537065
[link]