Una bomba fra i coralli
La Stampa
Stefano
6/4/2010


Era a velocità massima quando, nel pomeriggio di sabato, si è infilato come la lama di un coltello dentro uno dei tratti più spettacolari e incontaminati della Grande Barriera Corallina Australiana. Ora il cargo cinese Shen Neng 1, carico di 65mila tonnellate di carbone, è appoggiato sulla porzione di bassofondale denominata Douglas Shoal, a circa 70 km da Great Keppel Island, forse il più famoso fra i punti di partenza dei turisti alla volta della Great Barrier Reef. La collisione ha procurato allo scafo, in corrispondenza della sala macchine, un grosso squarcio dal quale finora si è riversata in mare solo una minima parte
del carburante stivato - 950 tonnellate di olio pesante, il carico massimo, dato che la nave aveva appena lasciato Gladstone, nel Queensland, diretta in Cina. Le quattro tonnellate di olio pesante, fuoriuscite creando un lugubre nastro scuro lungo tre chilometri e largo cento metri, sono state contenute grazie al solvente spruzzato in vari passaggi aerei. Ma il timore è che la nave possa spezzarsi sotto l’urto delle ondate che s’infrangono sullo scafo, un pericolo che potrebbe materializzarsi qualora il tempo dovesse volgere in burrasca, come non è insolito di questa stagione in questo tratto della costa australiana. “Per ora ci sentiamo di escludere l’eventualità che il cargo si spezzi” ha detto Patrick Quirk del Maritime Safety Queensland, l’agenzia governativa che coordina le operazioni attorno alla Shen Neng 1, “ma la nave è stata trascinata dalle onde per oltre trenta metri dal punto d’impatto e questo non fa che peggiorare la situazione dello scafo”. Di qui la decisione di utilizzare due rimorchiatori per tenere agganciato e stabilizzato il cargo cinese. I timori di una possibile rottura sono alimentati dalla notizia data dalle TV, secondo cui lo stesso equipaggio avrebbe detto di sentire lo scafo scricchiolare sotto i piedi. Intanto gli uomini della Australian Maritime Safety Authority, portati a bordo da un elicottero, stanno valutando quali passi intraprendere per cercare di disincagliare la nave. “Si vuole capire se è opportuno pompare l’olio dalla stiva prima di tentare qualsiasi manovra di spostamento” ha detto Anna Bligh, la Premier del Queensland, lo Stato per il quale la Grande Barriera corallina è un vero e proprio tesoro economico oltre che naturalistico.
In questa fase l’attenzione è tutta rivolta a cercare di minimizzare un danno ecologico che potrebbe essere disastroso: “I reef corallini sono molto resistenti e possono sopportare tante cose” sottolinea il biologo marino Greg Webb, riferendosi ai segni di sofferenza che la Grande Barriera mostra a causa dell’acidificazione delle acque oceaniche dovute all’effetto serra, “ma un’ondata di petrolio può avere davvero effetti disastrosi”.
Le polemiche sulle responsabilità di quanto accaduto stanno già montando, soprattutto fra le forze politiche. Sulla responsabilità del capitano della Shen Neng 1 non sembrano esserci molti dubbi: la nave era fuori rotta di trenta chilometri rispetto al canale concesso ai navigli che lasciano le coste del Queensland diretti verso i porti cinesi. “La società armatrice pagherà caro questo incidente” non a caso ha preannunciato la Bligh. Ma la domanda che ci si pone – e che viene posta con forza dal leader dei Green (Verdi) australiani, Bob Brown – è come mai navi straniere con carichi commerciali che, come nel caso della Shen Neng 1, valgono decine di milioni di dollari non siano obbligate a utilizzare un pilota locale, che conosca i fondali, per uscire da una zona così delicata: “Il costo ammonterebbe a sei/settemila dollari” ha detto davanti alle telecamere Brown, “e francamente non mi sembra un granché come assicurazione da disastri come quello che potrebbe avvenire sul Douglas Shoal…”
Stefano Gulmanelli

Documento: Una bomba fra i coralli (Prima pagina) - Pdf
Documento: Una bomba fra i coralli (girata) - Pdf





segnalazioni e commenti
The Afrikaner. A Novel
The Afrikaner (Guernica Editions) is a transcultural novel by Arianna Dagnino set in Southern Africa between Johannesburg, Cape Town, the Kalahari Desert and Zanzibar. It starts as an urban thriller, it develops into a road adventure, it acquires the tones of a scientific novel and it ends on a metafictional note.

More succinctly, The Afrikaner is a fiction on South Africa and the destiny its Black, Coloured and White tribes have historically shared and will continue to share under the African sky.

Read the synopsis of the book here: [link]/
[link]


links
Nomads CA-Culture Lab
Nomads CA-Culture Lab provides professional services in the areas of journalism, publishing, translation, localization services, marketing, market monitoring and issues management. Our potential clients are individuals, groups and organizations that work on, for and with culture in its broad definition.

10% discount on any consulting and translation services provided to UniSA Alumni.
To access this benefit UniSA Alumni Network Card holders show their UniSA Network Card number. This benefit can be accessed online and internationally.

Link: http://www.unisa.edu.au/Business-community/Alumni-network/Alumni-benefits/Alumni-Business-Directory/Categories/Business/Nomads-CA--Culture-Lab/
[link]

Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility
In Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility, Arianna Dagnino analyzes a new type of literature emerging from artists’ increased movement and cultural flows spawned by globalization. This “transcultural” literature is produced by authors who write across cultural and national boundaries and who transcend in their lives and creative production the borders of a single culture. Dagnino’s book contains a creative rendition of interviews conducted with five internationally renowned writers—Inez Baranay, Brian Castro, Alberto Manguel, Tim Parks, and Ilija Trojanow—and a critical exegesis reflecting on thematical, critical, and stylistical aspects.

"In this thought-provoking study, Arianna Dagnino is concerned to identify a cohort of writers who, in the ease with which they move between domiciles, languages and cultures, find themselves ahead of the pack in expressing a newly emergent transcultural sensibility. In a series of interviews, intercut with her own diary entries and treated to a light process of fictionalization – which is brought off with a novelist’s skilled hand – five writers present their reflections on their genesis, their present situation, and their future aims in a more and more globalized world, reflections which are never less than interesting and are often far-sighted. Their comments are in turn interrogated by Dagnino and set in a wider framework of transcultural theory. Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility is a significant contribution to a growing body of work on the metamorphosis of literary culture in times of dissolving cultural boundaries." – Nobel Laureate J M Coetzee, The University of Adelaide
http://blogs.ubc.ca/transculturalwriters/
http://www.thepress.purdue.edu/titles/format/9781557537065
[link]