Julia la rossa, Premier d'Australia
La Stampa
Stefano
25/6/2010


Adelaide – Ha esitato il più possibile, poi il precipitare degli eventi l’hanno costretta a lanciare il guanto della sfida. E così, dopo una notte concitata nelle stanze del potere del Labor Party d’Australia, Julia Gillard ha chiesto e strappato a Kevin Rudd la leadership del partito, e con essa la carica di Primo Ministro. In questo modo repentino e rocambolesco, da ieri mattina l’Australia ha il suo primo Capo del Governo donna della sua pur breve (poco più di un secolo) storia di Stato indipendente.
La Gillard, che nel governo Rudd era Vice Primo Ministro e deteneva due dicasteri importanti quali l’Istruzione e le Relazioni Industriali, fino a pochi giorni fa

replicava in tono piccato a chi le faceva notare che forse era venuto il momento di farsi avanti, vista la precipitosa perdita di consenso di Kevin Rudd. Una caduta verticale che ha trascinato verso il basso le simpatie – e le chanche elettorali – dell’intero Labor Party, che ritiene la circostanza inaccettabile in un anno in cui l’Australia sarà chiamata al voto.
Con una di quelle incredibili accelerazioni che la politica sa avere quando si deve compiere un regicidio, i “power broker” del partito (le figure capaci di raggruppare o togliere consensi) le hanno fatto però capire che non si poteva attendere oltre: Rudd stava rischiando di far perder il governo al Labor dopo solo un mandato e andava sostituito. Il messaggio per lei era implicito: ora o, probabilmente, mai più. La Gillard, che ha il senso della lealtà ma anche quello della praticità e dell’ambizione, si è quindi recata dal Primo Ministro chiedendogli di farsi da parte o, in alternativa, di andare alla conta nel caucus del partito. Rudd ha inizialmente scelto lo scontro ma poi - dinanzi a una sconfitta certa e alla prospettiva di danneggiare ulteriormente il partito - ha accettato di passare la mano senza resistere.
Quarantasette anni, gallese di nascita, Julia Gillard è una donna riservata e gelosa della sua privacy, ma è in politica da troppo tempo perché di lei non si sappia molto, a partire dalle sue piccole manie. Fra le quali c’è una curiosa intransigente devozione per la grammatica (peraltro antecedente all’incarico di Ministro dell’Istruzione), che la porta a rimandare al mittente lettere e relazioni contenenti svarioni grammaticali, non prima però di averci disegnato su un gatto con cappello.
Immigrata in Australia a soli quattro anni per una salute cagionevole (“Il pediatra mi disse che se fossimo restati in Galles il freddo non avrebbe consentito a Julia nemmeno di andare a scuola” ha raccontato la madre), il nuovo Primo Ministro ha maturato la sensibilità e l’interesse per la politica sin da giovanissima. Le sue prime esperienze sono state di attivismo studentesco nelle scuole superiori e all’Università di Adelaide, la capitale del South Australia in cui è cresciuta e in cui tuttora vive la sua famiglia. Successivamente, dopo una parentesi come avvocato, la Gillard è entrata in politica attiva – è in Parlamento dal 1998 – assumendo posizioni vicine al movimento sindacale, il che ha finito per connotarla come una “leftie”, una di sinistra. Questa etichetta - unitamente al fatto che, pur convivente, non ha figli - ha portato parte degli stessi elettori Labor a guardare la Gillard con una qualche diffidenza.
Ma le imminenti elezioni, previste al più tardi per novembre, hanno convinto il partito a mettere da parte le sfumature e guardare alla sostanza, puntando su una figura che, unendo carisma, novità e determinazione, possa risollevare le sorti dei Labor. In un’insolita alleanza, correnti di destra e movimento sindacale hanno quindi offerto alla Gillard il massimo per un politico: la carica di Primo Ministro. Sta ora a lei convincere la maggioranza degli australiani a lasciargliela quando da qui a qualche mese entreranno in cabina elettorale.
Stefano Gulmanelli

Documento: Julia la rossa, Premier d'Australia - Pdf





segnalazioni e commenti
The Afrikaner. A Novel
The Afrikaner (Guernica Editions) is a transcultural novel by Arianna Dagnino set in Southern Africa between Johannesburg, Cape Town, the Kalahari Desert and Zanzibar. It starts as an urban thriller, it develops into a road adventure, it acquires the tones of a scientific novel and it ends on a metafictional note.

More succinctly, The Afrikaner is a fiction on South Africa and the destiny its Black, Coloured and White tribes have historically shared and will continue to share under the African sky.

Read the synopsis of the book here: [link]/
[link]


links
Nomads CA-Culture Lab
Nomads CA-Culture Lab provides professional services in the areas of journalism, publishing, translation, localization services, marketing, market monitoring and issues management. Our potential clients are individuals, groups and organizations that work on, for and with culture in its broad definition.

10% discount on any consulting and translation services provided to UniSA Alumni.
To access this benefit UniSA Alumni Network Card holders show their UniSA Network Card number. This benefit can be accessed online and internationally.

Link: http://www.unisa.edu.au/Business-community/Alumni-network/Alumni-benefits/Alumni-Business-Directory/Categories/Business/Nomads-CA--Culture-Lab/
[link]

Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility
In Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility, Arianna Dagnino analyzes a new type of literature emerging from artists’ increased movement and cultural flows spawned by globalization. This “transcultural” literature is produced by authors who write across cultural and national boundaries and who transcend in their lives and creative production the borders of a single culture. Dagnino’s book contains a creative rendition of interviews conducted with five internationally renowned writers—Inez Baranay, Brian Castro, Alberto Manguel, Tim Parks, and Ilija Trojanow—and a critical exegesis reflecting on thematical, critical, and stylistical aspects.

"In this thought-provoking study, Arianna Dagnino is concerned to identify a cohort of writers who, in the ease with which they move between domiciles, languages and cultures, find themselves ahead of the pack in expressing a newly emergent transcultural sensibility. In a series of interviews, intercut with her own diary entries and treated to a light process of fictionalization – which is brought off with a novelist’s skilled hand – five writers present their reflections on their genesis, their present situation, and their future aims in a more and more globalized world, reflections which are never less than interesting and are often far-sighted. Their comments are in turn interrogated by Dagnino and set in a wider framework of transcultural theory. Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility is a significant contribution to a growing body of work on the metamorphosis of literary culture in times of dissolving cultural boundaries." – Nobel Laureate J M Coetzee, The University of Adelaide
http://blogs.ubc.ca/transculturalwriters/
http://www.thepress.purdue.edu/titles/format/9781557537065
[link]