Il Quebec domenica alla urne. L'ombra di una virata secessionista
Repubblica.it
Stefano
4/4/2014


Le elezioni di domenica in Québec potrebbero essere il primo passo verso un nuovo tentativo da parte della provincia francofona di acquisire l’indipendenza dal resto del Canada. Il Parti Québécois (PQ), già promotore dei referendum secessionisti del 1980 e del 1995, ha chiamato alle urne gli elettori per avere mandato pieno a promulgare la Charte des valeurs québécoises ma con il fine ultimo, dicono gli osservatori, di creare le condizioni per un nuovo referendum secessionista.

La Carta dei valori québecois è una proposta di legge controversa – soprattutto nel resto del Canada – perché rigetta lo spirito multiculturale che permea l’ethos sociale canadese. In nome del laicismo dello Stato, il provvedimento infatti proibirebbe l’esercizio nella sfera pubblica di pratiche culturali quali l’esibizione da parte degli impiegati pubblici di simboli religiosi o l’osservanza nei centri per l’infanzia di regimi dietetici dettati da precetti religiosi. In pratica, in nome dei valori québecois (cristiani), verrebbe ristretto lo spazio di espressione delle minoranze etniche e religiose non cristiane. Ciò rende probabile che, se resa legge, la Carta dei valori finirebbe impugnata davanti alla Corte Suprema, il che sembrerebbe essere la speranza segreta del PQ: se la legge fosse bocciata si avrebbe un rigurgito d’orgoglio québecois che faciliterebbe la vittoria in un referendum separatista indetto all’uopo.
La reazione del resto del Canada all’idea di un nuovo tentativo secessionista del Québec è un misto d’indifferenza e irritazione. Un recente sondaggio mostra che il 75% della popolazione canadese vorrebbe che il Québec rimanesse una provincia del Canada, ma al tempo stesso un uguale 75% si dichiara stufo delle minacce separatiste. Un simile quadro di crescente fastidio emerge da un’indagine Leger Marketing, in cui il 43% dei canadesi non québecois definisce la provincia francofona un fardello per il Canada, contro un 39% che la considera una risorsa. Il messaggio che questa porzione di opinione pubblica invia ai ‘cugini’ québecois è quindi chiaro: andate, se volete, ma non aspettatevi che tutto resti come prima quanto a movimento di persone, cose e capitali: se ci dovranno essere frontiere fra il Québec e il resto del Canada, ebbene, saranno frontiere vere.
Per alcuni studiosi e politologi la questione non è però così semplice. L’eventuale uscita del Québec dalla Federazione avrebbe infatti serie ripercussioni per tutto il Canada e non tanto per il peso economico della provincia secessionista, rilevante ma in declino se comparato al contributo di ricchezza offerto da province come l’Alberta o Manitoba grazie al boom delle sabbie bituminose. L’impatto riguarderebbe la configurazione stessa del Canada. La nazione, dice Irvin Studin, professore di Public Policy and Governance all’Università di Toronto, potrebbe disintegrarsi dal punto di vista sia geopolitico che costituzionale. Da un lato infatti il Canada perderebbe la dimensione continentale di Stato il cui territorio si espande fra due oceani senza soluzione di continuità – il che peraltro farebbe delle Province occidentali (New Brunswick, Prince Edward Island, Nova Scotia, Labrador e Newfoundland) dei territori lontani dal centro gravitazionale della Federazione. Dall’altro i restanti Stati si sentirebbero legittimati a ridiscutere i termini costituzionali secondo cui oggi Ottawa, la capitale federale, governa la nazione, aprendo un vaso di Pandora dagli esiti imprevedibili. Tutto ciò in un contesto in cui, avverte Studin, “non abbiamo più il fiato sul collo della pressione espansiva statunitense che ci spinse nel 1867 a confederarci”. In altre parole, anche se di mala voglia, i canadesi non québecois, farebbero bene a prestare attenzione ai risultati in arrivo da Montréal domenica sera.
Stefano Gulmanelli





segnalazioni e commenti
The Afrikaner. A Novel
The Afrikaner (Guernica Editions) is a transcultural novel by Arianna Dagnino set in Southern Africa between Johannesburg, Cape Town, the Kalahari Desert and Zanzibar. It starts as an urban thriller, it develops into a road adventure, it acquires the tones of a scientific novel and it ends on a metafictional note.

More succinctly, The Afrikaner is a fiction on South Africa and the destiny its Black, Coloured and White tribes have historically shared and will continue to share under the African sky.

Read the synopsis of the book here: [link]/
[link]


links
Nomads CA-Culture Lab
Nomads CA-Culture Lab provides professional services in the areas of journalism, publishing, translation, localization services, marketing, market monitoring and issues management. Our potential clients are individuals, groups and organizations that work on, for and with culture in its broad definition.

10% discount on any consulting and translation services provided to UniSA Alumni.
To access this benefit UniSA Alumni Network Card holders show their UniSA Network Card number. This benefit can be accessed online and internationally.

Link: http://www.unisa.edu.au/Business-community/Alumni-network/Alumni-benefits/Alumni-Business-Directory/Categories/Business/Nomads-CA--Culture-Lab/
[link]

Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility
In Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility, Arianna Dagnino analyzes a new type of literature emerging from artists’ increased movement and cultural flows spawned by globalization. This “transcultural” literature is produced by authors who write across cultural and national boundaries and who transcend in their lives and creative production the borders of a single culture. Dagnino’s book contains a creative rendition of interviews conducted with five internationally renowned writers—Inez Baranay, Brian Castro, Alberto Manguel, Tim Parks, and Ilija Trojanow—and a critical exegesis reflecting on thematical, critical, and stylistical aspects.

"In this thought-provoking study, Arianna Dagnino is concerned to identify a cohort of writers who, in the ease with which they move between domiciles, languages and cultures, find themselves ahead of the pack in expressing a newly emergent transcultural sensibility. In a series of interviews, intercut with her own diary entries and treated to a light process of fictionalization – which is brought off with a novelist’s skilled hand – five writers present their reflections on their genesis, their present situation, and their future aims in a more and more globalized world, reflections which are never less than interesting and are often far-sighted. Their comments are in turn interrogated by Dagnino and set in a wider framework of transcultural theory. Transcultural Writers and Novels in the Age of Global Mobility is a significant contribution to a growing body of work on the metamorphosis of literary culture in times of dissolving cultural boundaries." – Nobel Laureate J M Coetzee, The University of Adelaide
http://blogs.ubc.ca/transculturalwriters/
http://www.thepress.purdue.edu/titles/format/9781557537065
[link]