Woomera - costruita per pensare la guerra
Avvenire
Stefano
14/11/2010


Woomera (South Australia) - Ha avuto sette vite, nessuna delle quali normali. A partire dal modo in cui è nata - in fretta e furia, nell’immediato dopoguerra, sul limitare dell’outback del Sud Australia - Woomera non è mai stata una città come altre. Lo si capisce appena ci si arriva, imboccando un viale principale che taglia strade immerse in un silenzio irreale fino ad uno spiazzo – quello su cui si affaccia la scuola – nel quale fanno mostra di sé, a guisa di monumenti, un paio di aerei, alcuni razzi e missili di varia gittata. Idea kitsch, verrebbe da dire, se non fosse che quelle esposte in piazza altro non sono che le esatte ragioni per cui questa cittadina fu concepita dal nulla e nel nulla, poco più di mezzo secolo fa. [continua...]

Documento: 50. Woomera (14:11:10).pdf



Balene - torna la licenza di uccidere?
Avvenire
Stefano
20/6/2010


Quella che si apre domani non sarà una settimana qualunque per le balene e per chi ne ha a cuore la sopravvivenza. Il bando alla caccia commerciale dei cetacei più grandi del pianeta, indetto 24 anni fa dinanzi al pericoloso declino nel numero di esemplari residui, potrebbe infatti essere revocato dall’International Whaling Commission (IWC) che si riunisce in settimana ad Agadir. A spingere per l’abolizione di quella che è considerata come una fra le migliori storie di successo nella protezione ambientale sono soprattutto tre Paesi: il Giappone, l’Islanda e la Norvegia. Una posizione che non sorprende, vista la loro consolidata tradizione “baleniera”. A lasciar perplessi osservatori e gruppi ecologisti è invece l’atteggiamento che va delineandosi da parte dell’Amministrazione USA; il governo degli Stati Uniti [continua...]

Documento: Balene - torna la licenza di uccidere? - Pdf



Banane sotto attacco
Avvenire
Stefano
21/3/2010


Ora il cerchio si sta stringendo attorno all’America Latina. Se il nuovo ceppo della famigerata “malattia di Panama” dovesse penetrare anche lì, il destino della banana, così come la conosciamo e la mangiamo oggi, potrebbe essere davvero segnato. Già colpite da un altro fungo - la Sigatoka nera, che annerisce le foglie dei banani e ne abbatte la produzione del 50% -, le piantagioni mondiali di banane sono sotto l’attacco di una variante particolarmente aggressiva di fusariosi, una malattia causata da un fungo dalla quale non c’è difesa se non la prevenzione; la pianta che ne è colpita infatti non riesce più a nutrirsi per l’ostruzione del suo sistema vascolare e muore.
Il Fusarium oxysporum cubense, il microrganismo responsabile della malattia di Panama, non è un nemico nuovo per le piantagioni di banani. Il primo ceppo [continua...]

Documento: Banane sotto attacco - Pdf



Genitori elicottero per figli iperprotetti
Avvenire
Stefano
26/11/2009


Al riparo da ogni vera difficoltà della vita, al punto di non saperla affrontare quand’è il momento. E’ così che alleva le sue generazioni di giovani il mondo occidentale, con l’illusione di fare il loro bene. A lanciare l’allarme é lo psicologo canadese Michael Ungar, autore di un saggio, tradotto in varie lingue, che sta destando parecchio interesse fra educatori e genitori, “Too safe for their own good” (Troppo protetti per il loro bene, McClelland & Stewart).
L’imputato principe del libro-studio sui giovani iper-protetti è il cosiddetto "genitore elicottero", che tutto deve controllare nella vita dei figli, in modo da poter far loro da scudo contro le esperienze dolorose, arrivando a combattere [continua...]

Documento: Genitori elicottero per figli iperprotetti - Pdf



Quando il cibo finisce nel cassonetto dell'immondizia
Avvenire
Stefano
14/11/2009


I numeri sono impressionanti: Mark & Spencer, la catena inglese di supermercati, getta ogni anno nella spazzatura 20mila tonnellate di cibo non smerciato; la connazionale Sainsbury va oltre: le tonnellate annue di derrate alimentari che manda in discarica sono 60mila. Di là dall’Atlantico, negli Usa, il trend è lo stesso, se non peggio: il cibo che entra nei supermercati e nei ristoranti ma che nessuno mangerà è il 30% del totale. Di qua dalla Manica, l’Europa continentale (Italia compresa) nel suo insieme butta via ogni anno 200 milioni di tonnellate di alimenti.
E questi non sono che alcuni dei dati sullo spreco alimentare riportati in abbondanza da Tristram Stuart nel libro da poco uscito “Waste, Uncovering the Global Food Scandal” (Spreco, Alla scoperta dello scandalo globale del cibo). [continua...]

Documento: Quando il cibo finisce nel cassonetto dell'immondizia - Pdf



Mare di plastica
Avvenire
Stefano
11/10/2009


Troppo grande per poterla misurare con precisione. Nella sostanza è questa la conclusione dei biologi marini rientrati dalla spedizione nelle acque della Great Pacific Garbage Patch, un’area dell’oceano Pacifico a nord delle Hawaii in cui - per il gioco delle correnti marine - si è accumulata un’impressionane quantità di spazzatura.
Il progetto Kaisei (“pianeta oceano” in giapponese) – concepito dallo Scripps Institution of Oceanography dell’Università di San Diego – è stato il primo tentativo di studiare scientificamente quella che oggi è certamente la più grande zona di accumulazione di rifiuti della nostra società. La gran parte degli scarti dell’attività umana che [continua...]

Documento: Mare di plastica - Pdf



Adelaide, il buen retiro degli scrittori
Avvenire
Stefano
13/9/2009


Adelaide (South Australia) - “La prima volta venni in Australia attratto dalla bellezza della terra e dallo spirito libero della sua gente. Poi vidi Adelaide e rimasi catturato dalla grazia di questa città, che oggi ho l’onore di chiamare casa”. J.M. Coetzee è senza dubbio il più noto fra gli abitanti della capitale dello Stato del South Australia. Ci vive dal 2002, l’anno prima che gli fosse assegnato il Premio Nobel per la Letteratura. “Era un pomeriggio di marzo, a fine estate. Passeggiavo all’ombra degli eucaliptus, guardando i cigni neri scivolare sull’acqua del fiume Torrens” dice Cotzee, ricordando il primo incontro con la città, nel 1996, quando fu invitato al Writers’ Festival, “Mi ritrovai a chiedermi se questo posto fosse il paradiso in terra [continua...]

Documento: Adelaide, il buen retiro degli scrittori - Pdf



L'arca di Noè dell'agricoltura
Avvenire
Stefano
28/6/2009


L’hanno chiamata il Caveau del Giorno del Giudizio (Doomsday Vault) perché dovrebbe poter sopravvivere a qualsiasi cataclisma o catastrofe, esplosione nucleare inclusa, garantendo così la massima protezione al suo prezioso contenuto: semi agricoli provenienti da tutto il pianeta. Il suo vero nome è Svalbard Seed Vault ed è nella sostanza una cassaforte scavata nella roccia ghiacciata in una delle propaggini più remote della Norvegia, l’isola di Spitsbergen, l’unica abitata fra quelle dell’arcipelago delle Svalbard. Difficile immaginare posto migliore per questa specie di “Arca di Noè dell’agricoltura”: [continua...]

Documento: L'arca di Noè dell'agricoltura - Pdf



Fame di uranio
Avvenire
Stefano
31/5/2009


Olympic Dam (South Australia) - Una volta a regime sarà la più grande miniera di uranio del pianeta e la più ricca singola attività mai avviata nella storia delle estrazioni minerarie. Ma avrà cambiato la morfologia del territorio circostante, generando il più grande buco a cielo aperto mai fatto dall’uomo e, con il materiale di risulta degli scavi, la catena montuosa più lunga generata artificialmente, tale da creare un microclima a sé stante nella regione.
Il tutto avverrà in una località sperduta dell’Australia centrale, secondo quanto prevede il programma di espansione dell’attuale miniera di Olympic Dam [continua...]

Documento: Fame di uramio.pdf



Terre Rare
Avvenire
Stefano
19/4/2009


Si chiamano terre rare, ma dal punto di vista chimico sono a tutti gli effetti metalli. La tavola periodica di Mendeleev li raggruppa in separata sede, a mo’ di nota, con un rimando messo al posto del capostipite, il Lantanio. Relegati, anche graficamente in secondo piano, i 15 ‘lantanoidi” – il cui numero atomico è compreso fra 57 e 71 – potrebbero sembrare una curiosità per patiti della chimica. E invece sono quelli che, in virtù delle loro caratteristiche, gli esperti chiamano “i metalli della tecnologia”. Vale a dire sostanze ormai fondamentali perlomeno per certe tecnologie che in un futuro non lontano saranno cruciali per lo sviluppo, economico e non solo. Samario, europio, olmio e tutti gli altri Lantanoidi trovano infatti [continua...]

Documento: Terre Rare - Pdf







per chi
Aziende
Case editrici
Centri di formazione
Enti internazionali
Istituti di ricerca
Istituzioni pubbliche
Organismi Accademici
Organizzatori di eventi
Testate giornalistiche
- 24 - Mensile Sole 24 Ore
- Aria
- Avvenire
- BrainHeart
- Business Day
- Businet
- Capital
- Corriere della Sera
- Corriere ins. Economia
- D di Repubblica
- Domus
- Drome
- Elle
- First Panorama
- Flair
- Focus
- Galileo
- Gente Viaggi
- Geo
- Gioia
- Glamour
- GQ
- Grazia
- Gulliver
- Happy Web
- IL - Magazine de Il Sole 24 Ore
- Il Corriere delle Tlc
- Il Diario
- Il Foglio
- Il Messaggero
- Il Mondo
- Il Sole 24 Ore
- Io Donna - Corriere della Sera
- Kompanya - Компания (settimanale economico russo)
- L'Espresso
- L'Unità
- La Stampa
- Limes
- Linus
- Living Africa
- Macchina del tempo
- Management & Tlc
- Marie Claire
- Max
- Moby Dick
- Mondo Economico
- Next
- Panorama
- Panorama Travel
- Puntocom
- Repubblica
- SBS
- SkyTG24 - weblog
- Soloimpresa
- Specchio
- TSheets
- Vita e Pensiero
- Volontari per lo sviluppo
- Web Marketing Tools
- Wireless