Canada
Arianna e Stefano

















L'attuale 'casa' dei Nomads. Nel 2007 ne percorremmo una frazione infinitesimale nel corso di uno dei nostri "Country Reportage". Seimila km equamente ripartiti in due circuiti ad anello fra Qubec e British Columbia. Seimila km che se raffigurati sulla cartina geografica di questo immenso Paese assomigliano alla piccola O che avrebbe potuto disegnare la mano malferma di un bimbo. Eppure furono sufficienti per farci decidere che era un posto dove poteva valer la pena di 'stanziarsi' (parola grossa) per qualche tempo.
Iniziammo le pratiche per l'immigrazione come residenti permanenti in quel di Vancouver. E queste vennero pronte un po' prima del previsto, mentre stavamo ancora affaccendati nella nostra avventura australiana. Dopo un primo passaggio per validare il visto nel gennaio del 2011 (facendo tappa a Vancouver e Victoria in un nostro viaggio di ritorno dall'Europa all'Australia), il 26 Agosto 2014 cominciava ufficialmente la nostra 'vita di residenti canadesi'. La transizione dall'Australia e' stata relativamente semplice (per quanto possa essere semplice piombare in un Paese in cui non si ha n un lavoro, n un network professionale ne' una rete sociale di conoscenze). Soprattutto importante stato che il passaggio risultato assai tranquillo per i due 'eredi': il loro problema pi grosso? Rivedere l'accento con cui parlavano inglese (per qualche tempo nella loro nuova scuola erano soprannominati gli Ozzies)...